La leggenda
delle sorgenti di Rogaška

La storia della formazione dell’acqua minerale naturale Donat Mg è legata a divinità mitologiche, che ne conoscevano gli effetti curativi.

La leggenda
delle sorgenti di Rogaška

1 1

Conoscete la leggenda? Scoprite i fatti.

Conoscete la leggenda? Scoprite i fatti.

Un’antica leggenda, in cui regnano dei ed eroi mitologici, narra che il cavallo alato Pegaso, volando sopra il paesaggio sloveno, colpì con lo zoccolo un monte dal quale iniziò a sgorgare una sorgente di acqua minerale miracolosa. Per quanto possa sembrare insolito, gli esperti collegano il nome di Pegaso (in greco Πήγασος) alla parola πηγή, che significa “sorgente” o “fonte”, spiegando così l’origine del racconto.

2 2

Immergetevi nella storia.

Immergetevi nella storia.

La leggenda pian piano diventò storia. Monete e altri ritrovamenti archeologici dimostrano, infatti, che l’efficacia dell’acqua minerale naturale fu conosciuta già ai tempi dei Celti e degli antichi Romani. Benché la gente si avvantaggiasse degli effetti benefici di quest’acqua rinvigorente anche nei secoli successivi, fu solo nel 1572 che l’alchimista svizzero Leonhard Thurneysser iniziò a studiarla, spianando così la strada alla documentazione scientifica delle proprietà di quella che denominò l’acqua minerale di Rogaška. Dopo quasi un secolo di silenzio, il dott. Paul Sorbait, medico di corte e professore alla facoltà di medicina di Vienna, descrisse l’acqua nel suo libro Praxis Medicae, diffondendo così la fama dell’acqua minerale di Rogaška Slatina anche oltre i confini dell’Impero asburgico.

3 3

Le sorgenti della salute.

Le sorgenti della salute.

Ma fu uno sloveno ovvero J. B. Gründel, medico di Maribor, che nel XVIII secolo descrisse nei dettagli le proprietà chimiche dell’acqua e i suoi effetti benefici per la salute. Le sue osservazioni furono una scoperta talmente grande che all’epoca l’acqua diventò la terza acqua minerale più venduta al mondo. Nel 1904, in seguito all’aumento della richiesta, fu costruito un nuovo, ma pur sempre piuttosto rudimentale, impianto di imbottigliamento – l’acqua veniva versata nelle bottiglie direttamente dalla sorgente, etichettata e distribuita in casse su carri trainati da cavalli.

4 4

La scoperta del magnesio.

La scoperta del magnesio.

Nel 1907 venne deciso di cercare nuove sorgenti. Sotto la direzione del dott. J. Knett, in una delle trivellazioni fu scoperto un fatto straordinario – che l’acqua conteneva concentrazioni estremamente alte di magnesio. Grazie a questa scoperta e alla vicinanza del monte Donačka gora, l’acqua venne chiamata Donat Mg.

5 5

Un secolo di una sorgente unica.

Un secolo di una sorgente unica.

Poco dopo la devastazione della Seconda guerra mondiale, il famoso idrogeologo e accademico Josip Bać introdusse il concetto della trivellazione in profondità, che si rivelò presto efficace e consentì di estrarre l’acqua da 280 a 606 metri di profondità. Nei successivi dieci anni furono trivellati circa 41 pozzi, in grado di apportare quantità di acqua più di cinque volte maggiori rispetto a prima.

6 6

Brindate al mito.

Brindate al mito.

Se mai avreste bisogno di entrate nelle benevolenze di uno degli dei, Apollo sarebbe sicuramente il primo nella lista. Anche se fu Pegaso a scoprire l’acqua minerale di Rogaška, fu il dio della salute e della bellezza quello che rimase talmente estasiato dalle sue acque rinvigorenti da essere pronto a rinunciare all’acqua del sacro monte Elicona. In onore a ciò, Apollo è ancora oggi raffigurato su ogni bottiglia di acqua minerale naturale Donat Mg.