Faq

Il bruciore di stomaco è un segnale di problemi cardiaci?

I sintomi del bruciore di stomaco possono spesso essere confusi con quelli di un infarto, ma queste due condizioni non sono direttamente correlate. Il reflusso acido provoca una sensazione di bruciore al petto in quanto l’esofago (che viene irritato dall’acido fuoriuscito dallo stomaco) si trova vicino al cuore.

Inoltre, è importante notare che la sensazione di bruciore di stomaco viene spesso scambiata per un vero e proprio attacco cardiaco. Ogni anno, molte persone che avvertono un forte bruciore di stomaco ricorrono al pronto soccorso pensando di avere un infarto.

L’ansia può causare bruciore di stomaco?

Sebbene la connessione tra reflusso acido e stress psicologico non sia ancora completamente chiara, la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che problemi quali l’ansia possono effettivamente innescare o peggiorare i sintomi.

Per combattere il reflusso acido e liberarsi dal bruciore di stomaco, è molto importante rilassarsi. Attività sportiva regolare, yoga o meditazione sono tutti ottimi modi per raggiungere questo obiettivo. Le persone che sono meno ansiose e hanno uno stile di vita attivo possono quindi ridurre significativamente il rischio di problemi gastrointestinali come il bruciore di stomaco.

Quali alimenti aiutano a eliminare il reflusso acido e quali sono da evitare?

In molti casi, per curare un normale reflusso acido o bruciore di stomaco occorre modificare alcune abitudini alimentari. Ci sono alimenti che possono alleviare naturalmente i sintomi del reflusso acido e altri che, invece, possono peggiorare la condizione. Tuttavia, per sapere esattamente quali cibi innescano il reflusso acido, e quindi vanno evitati, occorre fare dei test in quanto le reazioni ai diversi cibi variano da persona a persona. Per fortuna, ci sono delle linee guida di massima, come le seguenti:

Alimenti che aiutano a curare il reflusso acido

  • Verdure: riducono l’acidità di stomaco e sono a basso contenuto di grassi e zuccheri
  • L'avena e il pane integrale possono assorbire l’acidità di stomaco
  • Frutta, ma non agrumi!
  • Carne magra e pesce
  • Lo zenzero, avendo proprietà anti-infiammatorie, è un rimedio naturale per il reflusso acido e per altri problemi gastrointestinali

Alimenti da evitare se si soffre di reflusso acido

  • Agrumi
  • Pomodori
  • Cipolle
  • Menta piperita
  • Cibi grassi

Maggiori informazioni sull’alimentazione per il trattamento del bruciore di stomaco in questo articolo dedicato.

Il bruciore alla gola è un segno di cancro?

Nella maggior parte dei casi, il mal di gola o bruciore alla gola è un sintomo di problemi medici comuni, quali raffreddore, influenza e altre infezioni. La causa potrebbe anche essere il reflusso acido stesso. In casi molto rari il dolore e la difficoltà a deglutire possono essere un sintomo di cancro alla gola.

Quando si ha il raffreddore, l’infiammazione normalmente scompare dopo una settimana o due. Tuttavia, i pazienti con cancro avvertono un dolore alla gola costante, e allo stesso tempo presentano sintomi quali difficoltà a deglutire (sensazione di cibo bloccato in gola), tosse con sangue, dolore al torace, vomito frequente, perdita di peso o voce alterata (rauca).

Il reflusso acido tende a scomparire?

I sintomi del reflusso acido, come il bruciore di stomaco, a volte scompaiono quasi immediatamente, ma la sensazione di bruciore può anche durare diverse ore e manifestarsi più volte durante la settimana.

Tutti soffriamo di bruciore di stomaco di tanto in tanto, in quanto alcuni cibi e bevande possono provocare un leggero reflusso. Tuttavia, se i sintomi persistono e sono ricorrenti, è necessario consultare un medico e verificare se si soffre della malattia da reflusso gastroesofageo.

Il reflusso acido può causare mal di gola?

Il reflusso acido può anche danneggiare la gola e causare una sensazione di bruciore nota come bruciore di stomaco. Tuttavia, se il mal di gola è causato dal reflusso dell’acido gastrointestinale, occorre affrontare il problema alla fonte, invece di concentrarsi sulla gola.

Se non trattato, è probabile che il reflusso acido cronico aggravi il mal di gola, causando anche diverse complicazioni come esofagite (irritazione dei tessuti che rivestono la gola), tosse, disfagia (difficoltà a deglutire) e dolore alla gola. Per evitare tali complicazioni, scopri come curare da solo il reflusso acido e quando, invece, devi recarti dal dottore.

Bere acqua allevia il reflusso acido?

L’acqua è considerata benefica per la salute gastrointestinale in quanto, al contrario di succhi di agrumi acidi, bevande gassate e alcool, non aumenta il rischio di reflusso acido. Alcuni addirittura sostengono che un bicchiere di acqua fredda possa dare un rapido sollievo dal bruciore di stomaco.

L’acqua ha un pH pari a 7, cioè neutro, e perciò ha la capacità di diluire l’acido dello stomaco, alleviando così l’irritazione dell’esofago. E la sua l'efficacia aumenta se si mescola all’acqua un cucchiaino di bicarbonato di sodio. Di fatti, il bicarbonato di sodio viene anche prodotto naturalmente dal pancreas per proteggere l’intestino. Assumendo bicarbonato, simile a quello prodotto dal pancreas, si può ridurre rapidamente e drasticamente l’acidità di stomaco. Ma occorre fare attenzione, poiché l’effetto potrebbe essere solo temporaneo.

Come sbarazzarsi del bruciore alla gola causato dal reflusso acido?

Innanzitutto, cerca di adottare sane abitudini alimentari e di applicare i suggerimenti forniti in questo articolo. Ma se il bruciore persiste, consulta un medico.

Il reflusso acido è spesso causato da cattive abitudini alimentari, obesità, fumo e indumenti stretti. Tuttavia, può anche trattarsi della malattia da reflusso gastroesofageo, la quale comporta episodi regolari di reflusso acido che provocano l’infiammazione dell’esofago. Questa è una condizione cronica che può colpire bambini e adulti. I suoi sintomi, che comprendono problemi di deglutizione, alitosi, dolore al torace e asma, possono essere curati tramite cambiamenti delle abitudini alimentari, perdendo peso e smettendo di bere alcolici e fumare.

Qual è la differenza tra bruciore di stomaco e reflusso acido?

Bruciore di stomaco e reflusso acido sono due termini che si riferiscono allo stesso problema, ma non indicano la stessa cosa. In pratica, il bruciore di stomaco è un sintomo del reflusso acido.

Reflusso acido è il termine con cui si descrive la risalita di acido dallo stomaco nell’esofago e la conseguente irritazione del tessuto di quest’ultimo. La sensazione provocata da questa irritazione è nota come bruciore di stomaco. Tuttavia, questo è solo uno dei molti sintomi causati dal reflusso acido. Altri sintomi sono tosse, voce rauca, infiammazione sinusale, carie e persino un sapore acido in bocca e problemi di deglutizione. In questo articolo trovi anche un elenco di questi sintomi.

Come si avverte il reflusso acido in gola?

Quando l’acido dello stomaco entra nell’esofago, ne brucia lo strato interno, causando una sensazione di bruciore che si diffonde nel petto e arriva fino alla gola. Ciò può essere preceduto da un singhiozzo molto lieve.

La sensazione di bruciore di solito proviene dalla parte centrale del torace o dalla parte superiore dello stomaco. Si diffonde quindi alla gola e a volte anche alla mascella e alle braccia. A volte il bruciore scompare quasi immediatamente, mentre nei casi gravi il bruciore di stomaco può persistere per diverse ore. Se ciò accade più di due o tre volte a settimana, si consiglia di recarsi dal medico in quanto potrebbe trattarsi della malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE), una condizione gastrointestinale diffusa che richiede un trattamento speciale.

Come evitare il bruciore di stomaco?

Esistono molti rimedi naturali per il bruciore di stomaco, che generalmente comprendono l’adozione di sane abitudini alimentari (meno carboidrati e cibi grassi, porzioni più piccole, masticazione accurata di ogni boccone, ecc.), l’evitare bevande gassate e alcool, il dormire con la parte superiore del corpo in una posizione leggermente sollevata e altri ancora.

Per evitare il reflusso gastrointestinale, e prevenire così il bruciore di stomaco, occorre cambiare le proprie abitudini alimentari e adottare uno stile di vita più attivo. In questo modo si migliora la salute dell’intestino, allentando la pressione sull’addome. Evitando le bevande gassate, l’alcool e, in alcuni casi, anche il caffè, si previene anche l’eccessivo rilassamento del SEI. Inoltre, assumendo una postura dritta e indossando vestiti larghi si evita di esercitare pressione sulla zona addominale. Per neutralizzare l’acido e calmare il bruciore si può prendere un po’ di bicarbonato di sodio e, a volte, persino una gomma da masticare può aiutare! Infine, anche sollevando leggermente la parte superiore del letto si può impedire all’acido di risalire dallo stomaco. Leggi questo articolo per applicare correttamente questo suggerimento e scoprire altri rimedi contro il bruciore di stomaco.

Qual è la causa della sensazione di bruciore alla gola?

Questa sensazione di bruciore è comunemente nota come bruciore di stomaco ed è causata da una condizione chiamata reflusso acido.

Il reflusso acido è causato da una disfunzione del muscolo chiamato sfintere esofageo inferiore (SEI), che protegge l’ingresso dello stomaco, tenendolo chiuso e impedendo all’acido gastrico di entrare nell’esofago. In una persona sana, si apre solo per far entrare il cibo nello stomaco. Tuttavia, può diventare troppo rilassato o aprirsi troppo spesso, lasciando penetrare fluidi gastrointestinali nell’esofago, irritandone così lo strato interno. Ciò causa la sensazione nota come bruciore di stomaco, che molto spesso colpisce persone con cattive abitudini alimentari (cibi grassi oppure porzioni troppo abbondanti), persone in sovrappeso, fumatori e donne in gravidanza. Per saperne di più su questa condizione e anche sulla prevenzione e il trattamento dei suoi sintomi leggi il nostro post sul blog su questo argomento.