La disintossicazione, cioè la purificazione del corpo, è oggetto di discussioni controverse nei circoli scientifici poiché non ci sono prove inequivocabili a sostegno dei regimi di disintossicazione alimentare. Alcuni scienziati sostengono addirittura che la disintossicazione sia un concetto di pseudomedicina. Attualmente la disintossicazione è diventata così popolare che è emersa una serie di cosiddette diete detox che dovrebbe promuovere l’eliminazione delle tossine dal corpo e la perdita di peso il che avvantaggia la salute. Spesso si pone la domanda se le diete detox sono necessarie, che cosa includono, se sono efficaci o se sono pericolose. Sono supportate da pochissime prove cliniche. Tale settore merita attenzione perché i consumatori siano informati sui potenziali benefici e i rischi dei vari programmi di disintossicazione.

Il corpo umano è spesso esposto a sostanze tossiche e la tossicità è oggi più grande che mai. La tossicità può avere fonti esterne e interne. Le tossine esterne vengono introdotte con cibi e bevande, con varie medicine o inalate da un ambiente contaminato. Le tossine interne sono il risultato del normale funzionamento del nostro corpo. Ciò significa che i processi biochimici del nostro metabolismo creano sostanze che devono essere rimosse dal corpo. Il processo di disintossicazione prevede la mobilizzazione, la biotrasformazione e l’eliminazione delle sostanze tossiche di origine esogena ed endogena. Tali processi sono continuamente eseguiti dal funzionamento di cinque organi fondamentali: i reni, il fegato, la pelle, i polmoni e l’intestino. La disintossicazione è un’importante attività cellulare: se questi meccanismi naturali di disintossicazione o purificazione del corpo vengono a mancare, questo può causare addirittura la morte.

Parimenti non bisogna dimenticare che la salute è basata su un’alimentazione sana e regolare. Circa il 70 per cento del sistema di difesa umano è nell’intestino e la salute dell’apparato digerente è quindi di importanza essenziale. Anche se un corpo sano ha una capacità naturale di disintossicazione ovvero di depurazione del corpo, i nostri organi di disintossicazione sono troppo sollecitati dallo stile di vita moderno, dalle cattive abitudini e dai fattori ambientali dannosi. Il carico corporeo di sostanze nocive può causare a lungo termine affaticamento cronico, disturbi digestivi, sensibilizzazione del corpo ma anche una patologia. Nella maggior parte dei casi il corpo può rimuovere le sostanze nocive senza un aiuto esterno. Sebbene non ci siano prove scientifiche sufficienti, si può presumere che una corretta alimentazione sostiene i processi naturali di disintossicazione. È importante delineare un programma dietetico di base che includa una varietà di alimenti necessari per fornire all’organismo i nutrienti chiave, vitamine e minerali che non appesantiscano l’apparato digerente.

Bisogna sottolineare che la disintossicazione è, in effetti, una dieta naturale adeguatamente progettata che migliora le funzioni del corpo, rafforza il corpo e ripristina l’energia. Non è una soluzione immediata, bensì ha un obiettivo a lungo termine. Questa non si può nemmeno chiamare disintossicazione, ma una dieta che è progettata per migliorare le abitudini alimentari e la qualità della vita, più sana.

Nella maggior parte dei casi, le persone hanno l’obiettivo ultimo di perdere chilogrammi, non la possibilità di depurare il corpo dalle sostanze nocive accumulate. Spesso ricorrono a soluzioni rapide ma la disintossicazione a breve termine non è raccomandata. Un approccio di gran lunga migliore è il cambiamento delle abitudini alimentari.

Il processo di disintossicazione o purificazione del corpo è più efficace se non si fuma, si fa movimento e si sceglie una dieta sana ed equilibrata come è quella mediterranea.