Cosa si prova conil bruciore di stomaco?

SHARE WITH FRIENDS:

Il bruciore di stomaco è una sensazione spiacevole che si verifica quando l’acido gastrico risale fino in gola e in bocca. Ciò provoca una sensazione di bruciore in petto che può essere alquanto preoccupante se non la si ha mai provata prima.

Nonostante sia estremamente fastidioso, il disturbo da bruciore di stomaco di solito non è motivo di preoccupazione poiché è una sensazione passeggera. Ma, poiché i sintomi sono simili a quelli di altre condizioni mediche più gravi, è bene sapere come si presenta il bruciore di stomaco e quando è necessario rivolgersi immediatamente al medico.

Cos’è il bruciore di stomaco?

Il termine bruciore di stomaco descrive la reazione che si verifica quando lo sfintere esofageo, invece di serrarsi dopo che il cibo è entrato nello stomaco, si indebolisce o si rilassa troppo, permettendo così all’acido gastrico di risalire nell’esofago e fino alla bocca.

Questo provoca uno spiacevole bruciore allo stomaco, che può aggravarsi se ci si sdraia o ci si piega in avanti dopo un pasto. Questa condizione può essere trattata in vari modi, sia con rimedi naturali che con farmaci. Tuttavia, può essere abbastanza preoccupante se iniziano a manifestarsi anche altri sintomi di bruciore di stomaco.

Dove si avverte il bruciore di stomaco?

Il bruciore di stomaco di solito inizia nella parte superiore dell’addome, per poi salire fino al petto. Può anche essere accompagnato da pressione o dolore dietro lo sterno che alcune persone, che soffrono di sintomi più gravi, confondono persino con un attacco di cuore. Inoltre, il dolore da bruciore di stomaco può irradiarsi anche al collo e alle spalle.

Altri sintomi riscontrati di frequente includono:

  • sensazione di non essere in grado di deglutire completamente il cibo: potresti avere la sensazione che il cibo si blocchi nel petto o nella gola o anche come se la tua gola si stesse chiudendo e stai soffocando;
  • eruttazione frequente: sentire il bisogno di ruttare alcune volte dopo un pasto è del tutto normale e accettabile (soprattutto se fatto in privato) ma un’eruttazione eccessiva può essere un segnale di bruciore di stomaco;
  • gonfiore: se la pancia sembra gonfia e ciò accade soprattutto dopo un pasto regolare ed equilibrato, il motivo potrebbe essere il bruciore di stomaco;
  • malessere dopo i pasti: se il disagio aumenta dopo aver mangiato o ti senti immotivatamente pieno, il reflusso acido potrebbe essere la causa.

Nel caso in cui si manifestino tali sintomi, occorre consultare il medico il prima possibile per accertarsi che appartengano effettivamente al bruciore di stomaco e non a qualche condizione più grave.

Sintomi più rari di bruciore di stomaco includono tosse, singhiozzo persistente, sudorazione fredda, mancanza di respiro o vertigini.

Quando compare il dolore da bruciore di stomaco?

Come già detto, i sintomi di bruciore di stomaco di solito compaiono dopo un pasto, soprattutto quando ci si piega o sdraia. Mangiare un pasto pesante, grasso, salato o piccante può aumentare la probabilità di bruciore di stomaco e peggiorare la situazione.

Tuttavia, molte persone avvertono il bruciore di stomaco durante la notte e tale forma è nota per essere la più dolorosa. Il bruciore di stomaco notturno si verifica soprattutto se hai mangiato meno di due ore prima di andare a letto.

Il bruciore di stomaco può verificarsi anche durante la gravidanza in quanto lo squilibrio ormonale provoca il rilassamento dei muscoli. Ciò avviene a vantaggio del feto, ma il processo può anche indebolire la valvola esofagea inferiore. Inoltre, con la crescita del bambino aumenta la pressione esercitata sullo stomaco, per cui è più probabile la fuoriuscita degli acidi dallo stomaco. Fortunatamente, come il diabete durante la gravidanza, il bruciore di stomaco può scomparire completamente dopo il parto.

Quando rivolgersi al medico se si soffre di bruciore di stomaco

In caso di gravi sintomi di bruciore di stomaco, è importante consultare un medico e combattere i sintomi. Se non trattata, l’esposizione prolungata all’acidità di stomaco può causare problemi cronici ai denti, dolore diffuso, ulcere alla gola o alterazioni dei tessuti. Ciò può di conseguenza portare all’incapacità di deglutire, respirare e anche parlare.

Inoltre, l’esposizione frequente all’acido può danneggiare il tessuto esofageo e persino aumentare il rischio di sviluppare il cancro.

Rivolgiti al medico se non sei del tutto sicuro di avere effettivamente il bruciore di stomaco poiché ci sono altre condizioni con sintomi simili, il che può rendere l’intera situazione abbastanza confusa.

Bruciore di stomaco e indigestione

Bruciore di stomaco e indigestione presentano molti sintomi simili, ma in realtà non significano la stessa cosa. Come ora sai, il bruciore di stomaco è il risultato della fuoriuscita di acido gastrico, mentre l’indigestione è causata da cibi che irritano lo stomaco e il suo rivestimento.

Il termine medico per l’indigestione è dispepsia e fondamentalmente indica il dolore nella parte superiore dello stomaco, che si verifica in genere durante o dopo un pasto. Di solito è causata dal mangiare troppo, troppo velocemente o pasti ad alto contenuto di grassi. Un’altra causa è il mangiare con la bocca aperta poiché ciò porta a ingoiare troppa aria. L’indigestione generalmente non si manifesta con il reflusso acido e i suoi sintomi di solito svaniscono da soli, quindi questa condizione non è troppo preoccupante.

Bruciore di stomaco e infarto

A volte, il bruciore di stomaco può manifestarsi con sintomi incredibilmente preoccupanti che ti fanno pensare di avere un attacco di cuore. Tuttavia, ci sono alcuni indicatori che ci aiutano a distinguere il bruciore di stomaco dall’infarto, spiegando cosa si prova in effetti con il bruciore di stomaco:

  • tempo: il bruciore di stomaco di solito compare dopo un pasto, mentre un attacco di cuore generalmente non è correlato al cibo che si mangia;
  • gusto: quel sapore acido in bocca è causato dal bruciore di stomaco e non è un sintomo d’infarto;
  • posizione: il bruciore di stomaco di solito inizia nella parte superiore dello stomaco e poi risale verso il centro del petto, mentre l’infarto si avverte nella parte sinistra del petto (vicino al cuore) e può irradiarsi alla schiena, al collo, alla mascella, alle spalle o lungo le braccia;
  • tipo di dolore: il bruciore di stomaco è spesso descritto come una serie di forti dolori al petto, mentre l’infarto comunemente viene avvertito come una sorta di pesantezza che attanaglia il corpo;
  • trattamento: il bruciore di stomaco è normalmente alleviato dagli antiacidi che, invece, non sono di aiuto contro i sintomi dell’infarto.

Bruciore di stomaco e angina pectoris

Il termine angina fondamentalmente indica un dolore al petto che si verifica a seguito del mancato afflusso di sangue al cuore e che può effettivamente sembrare molto simile al bruciore di stomaco. Tuttavia, è più probabile che il dolore dovuto all’angina si manifesti dopo un’attività fisica o un’esposizione al freddo piuttosto che dopo un pasto, come nel caso della sensazione di bruciore di stomaco.

Un’altra differenza si nota nella reazione dell’organismo al trattamento. I sintomi di bruciore di stomaco sono generalmente alleviati dall’assunzione di antiacidi, mentre l’angina viene comunemente trattata con nitroglicerina. Nel caso in cui non hai mai avvertito alcun dolore al petto, l’idea migliore è comunque quella di rivolgersi al medico il prima possibile.

Altre possibili condizioni

Poiché alcuni sintomi di bruciore di stomaco sono così comuni, ci sono varie altre possibili condizioni di cui potresti soffrire:

  • spasmo esofageo: uno spasmo muscolare nell’esofago può provocare sintomi simili al bruciore di stomaco poiché causa difficoltà a deglutire cibi o bevande, la sensazione di cibo bloccato al centro del petto e una sensazione di bruciore alla gola e al petto;
  • calcoli biliari: i sintomi associati ai calcoli biliari si verificano spesso dopo un pasto, specie se a base di cibi grassi, e possono essere simili a quelli del bruciore di stomaco in quanto includono dolore all’addome;
  • ulcera: come il bruciore di stomaco, le ulcere possono causare una sensazione di bruciore che di solito si avverte nella parte superiore dell’addome e può salire fino al torace. Gli antiacidi possono anche alleviare il dolore correlato all’ulcera e quindi confondere le idee. Ma nel dubbio è meglio consultare il proprio medico in quanto l’infezione causata dalle ulcere deve essere trattata con antibiotici.

Queste sono solo alcune condizioni mediche comuni che presentano sintomi simili a quelli del bruciore di stomaco. Ripetiamo, nel dubbio occorre consultare un medico immediatamente.

Come trattare il bruciore di stomaco

Se soffri spesso di bruciore di stomaco, puoi provare a combatterlo attraverso alcuni cambiamenti nello stile di vita.

Cerca di concentrarti sui seguenti rimedi naturali:

1. Peso ottimale

Essere sovrappeso è una delle principali cause di bruciore di stomaco. Le persone in sovrappeso sono destinate a soffrire di bruciore di stomaco più spesso poiché viene esercitata una maggiore pressione sull’addome, motivo per cui è più probabile che l’acido gastrico rifluisca nell’esofago. Se sei sovrappeso, perdere un paio di chili ti aiuterà a ridurre i sintomi del bruciore di stomaco.

2. Postura corretta

Quando mangi, stai seduto in posizione eretta, senza piegarti in avanti: in questo modo allenterai la pressione sullo stomaco. Inoltre, solleva la testata del letto quando vai a dormire per evitare che l’acido gastrico ti salga in gola durante la notte.

3. Optare per cibi sani

Alcuni alimenti possono effettivamente aiutarti ad alleviare i problemi associati al bruciore di stomaco. Prova a includere nella tua dieta frutta alcalina, come banane o meloni, e verdure verdi. Inoltre, mangia latticini lenitivi come lo yogurt, senza dimenticare i cereali integrali che trattano e prevengono il reflusso acido.

Cose da evitare:

1. Determinati cibi e bevande

Ridurre i cibi piccanti che contengono capsaicina è una buona idea poiché rallentano la digestione e irritano l’esofago. Evita anche i cibi grassi in quanto possono rilassare lo sfintere esofageo e consentire il riflusso dell’acido gastrico, rallentando allo stesso tempo la digestione.

Il prossimo consiglio non farà felici gli amanti del cioccolato. Purtroppo, anche il consumo di cacao può favorire il rilassamento dello sfintere esofageo e causare la risalita di materiale gastrico.

Il muscolo sfintere può aprirsi anche a causa del consumo di alcol e caffeina, quindi cerca di evitarli per un po’ per verificare se sono legate al tuo problema.

 2. Fumo

Il rilassamento dello sfintere esofageo può essere dovuto non solo al cibo e alle bevande che consumi, ma anche ad abitudini come il fumo e la masticazione del tabacco. La nicotina contenuta nel tabacco indebolisce la valvola tra l’esofago e lo stomaco, lasciando così risalire l’acido dallo stomaco alla gola.

3. Indossare vestiti stretti

Anche i vestiti che indossi potrebbero aumentare la pressione sull’addome. Se soffri di bruciore di stomaco, dovresti evitare indumenti attillati, comprese cinture, indumenti modellanti o altri capi d’abbigliamento che esercitano una pressione extra sull’addome.

Questo elenco non è esaustivo poiché sono numerosi i rimedi contro il bruciore di stomaco che potresti provare. Il miglior suggerimento è quello di usare il buon senso per trovare collegamenti tra il tuo stile di vita e il disturbo del bruciore di stomaco; ma, se i tuoi sintomi peggiorano, rivolgiti immediatamente a un medico.

E rimani in salute!

Come puoi vedere, evitare il bruciore di stomaco ha molto a che fare con la cura della salute generale. Se stai cercando di rimetterti in salute e hai bisogno di ulteriori consigli perché non sai da dove cominciare, potresti leggere il nostro articolo sul rafforzamento delle difese immunitarie o quello sui cibi che fanno bene al sistema immunitario.

E se vuoi un sistema immunitario forte, prenditi cura della tua digestione. Risolvi i tuoi problemi di stitichezza e disintossica il tuo organismo. Buona fortuna!

Seleziona il capitolo:

Quanto può durare il bruciore di stomaco?