Quei nove mesi dovrebbero essere un periodo idilliaco della vita di ogni donna incinta, eppure questo processo nel suo insieme non è tutto rose e fiori. Molte donne accusano problemi di digestione, che variano dall’indigestione durante la gravidanza a gonfiore, diarrea, stitichezza e anche bruciore di stomaco.

I cambiamenti ormonali e altri cambiamenti, che avvengono nel corpo che si prepara a dare alla luce un essere umano, naturalmente possono avere effetti collaterali indesiderati. Sono molte le donne che soffrono di bruciore di stomaco durante la gravidanza senza aver mai avuto prima questo problema, quindi purtroppo può capitare a chiunque.

Tuttavia, esistono semplici accorgimenti che possono alleviare il bruciore di stomaco durante la gravidanza. Ma per affrontare il problema, dobbiamo prima capirlo. Perciò diamo un’occhiata ad alcune delle cause più comuni del bruciore di stomaco in gravidanza e a tutto ciò che circonda questo problema.

Bruciore di stomaco in gravidanza, reflusso acido o GERD?

I termini bruciore di stomaco, reflusso acido e GERD (malattia da reflusso gastroesofageo) sono spesso usati come sinonimi, ma in realtà significano cose diverse, seppure in relazione.

Il reflusso acido è una condizione medica abbastanza comune, che si può presentare con sintomi lievi oppure gravi. Quando il reflusso acido si presenta in forma grave e cronica, si parla di GERD. Il bruciore di stomaco è un sintomo sia del reflusso acido che della GERD.

In questo articolo parleremo del bruciore di stomaco e delle sue cause, che possono essere collegate sia alla GERD che al reflusso acido in gravidanza.

È importante che le donne incinte siano supportate dai loro partner

Ogni donna è diversa, quindi è difficile definire tutti i primi sintomi della gravidanza. Tuttavia, il bruciore di stomaco all’inizio della gravidanza è uno dei potenziali sintomi comuni che qualcosa di speciale sta succedendo nel corpo, soprattutto in assenza di altri fattori scatenanti.

Il bruciore di stomaco è un segno di gravidanza?

Se non hai mai sofferto di bruciore di stomaco o se avverti questa strana sensazione più frequentemente del solito, potresti innanzitutto provare a ridurre al minimo il consumo di cibi acidi, salati e piccanti. Per ulteriori idee su come affrontare questo problema, leggi il resto di questo articolo.

Nel caso in cui ciò non allevi i tuoi problemi, forse è il caso di fare un test di gravidanza e recarti dal tuo medico il prima possibile per capire cosa (o chi) ti sta causando questo disagio.

Cause di bruciore di stomaco in gravidanza

Hai presente come, durante la gravidanza, per qualsiasi cosa negativa che accade la colpa è sempre degli ormoni? Piangi di continuo? Sono gli ormoni. Sei irritabile? Sono gli ormoni. Ti senti stanca quando ti svegli? Sono gli ormoni.

Quindi non sorprende che gli ormoni possano rappresentare anche il legame tra bruciore di stomaco e gravidanza. Nelle fasi iniziali della gravidanza il corpo inizia a produrre grandi quantità di progesterone, un ormone che ha un’azione rilassante sui muscoli. Questo processo è tutto a vantaggio del tuo bambino poiché il rilassamento dei muscoli permette un migliore assorbimento dei nutrienti che passano attraverso la placenta e nutrono il feto.

Tuttavia, il progesterone può anche allentare la valvola esofagea inferiore che serve proprio a separare lo stomaco dall’esofago. Normalmente, questo muscolo si apre per far entrare cibo e bevande nello stomaco, ma subito dopo si chiude ermeticamente. Sfortunatamente, alti livelli di progesterone possono indebolire questo muscolo molto importante, permettendo così all’acido gastrico di risalire dallo stomaco all’esofago. L’acido può irritare il rivestimento dell’esofago e causare una spiacevole sensazione di bruciore in petto. Ciò spiega anche perché in lingua inglese bruciore di stomaco si dice heartburn, dove heart significa cuore e burn bruciore, anche se questa sensazione non è affatto collegata col cuore.

Prevenire l'indigestione durante la gravidanza con pasti più piccoli

Rallentando la digestione, il progesterone è anche colpevole del fatto che il contenuto dello stomaco resta più a lungo del normale nello stomaco. Una digestione lenta significa che lo stomaco rimane pieno più a lungo del normale, il che aumenta le possibilità del verificarsi del bruciore di stomaco. Leggi questo articolo per scoprire come puoi migliorare la tua digestione in modo naturale.

Il bruciore di stomaco durante la gravidanza è anche correlato ai cambiamenti fisici che stanno avvenendo nel tuo corpo. Il tuo utero deve espandersi per accogliere il bambino in crescita, lasciando meno spazio agli altri organi. Viene esercitata una maggiore pressione sullo stomaco, motivo per cui è più probabile che gli acidi gastrici fuoriescano dallo stomaco e risalgano fino alla gola, specialmente subito dopo aver mangiato.

Ora che abbiamo identificato le cause del bruciore di stomaco in gravidanza, diamo un’occhiata più da vicino a come si avverte il bruciore di stomaco durante la gravidanza, in modo da non confondere i sintomi con qualcos’altro.

Sintomi del bruciore di stomaco durante la gravidanza

Come probabilmente hai appreso attraverso l’esperienza finora maturata, non tutte le strane sensazioni che avverti nel tuo corpo durante la gravidanza indicano qualcosa di negativo. Tuttavia, la paura dell’ignoto è del tutto normale e tu sei il miglior giudice quando si tratta di conoscere il tuo corpo, quindi è meglio consultare il tuo medico se inizi ad avvertire strani sintomi.

Poiché la gravidanza, soprattutto nei primi mesi, può comportare una sensazione di gonfiore, eruttazione e vomito, che possono provocare una sensazione di bruciore alla gola, questi sintomi possono essere facilmente scambiati per bruciore di stomaco. Tuttavia, il bruciore di stomaco è spesso accompagnato da altri sintomi, il che ti consente di stabilire se si tratta effettivamente di ciò.

Molte donne incinte lottano con problemi digestivi

Nelle donne incinte si manifestano i seguenti segni collegati al bruciore di stomaco, quindi fai attenzione nel caso in cui ne noti qualcuno:

  • sensazione di bruciore al petto dietro lo sterno: compare solitamente dopo un pasto e può durare anche delle ore;
  • dolore al petto: tale dolore si manifesta soprattutto quando cerchi di sdraiarti, piegarti o semplicemente mangiare;
  • una sensazione di bruciore alla gola: che può essere accompagnata dalla presenza di un fluido acido o salato in fondo alla gola;
  • tosse cronica: sebbene la tosse possa essere correlata a varie altre malattie, è anche un sintomo meno noto del bruciore di stomaco;
  • eruttazione durante la gravidanza: non cercare di nascondere questo spiacevole sintomo in quanto può essere semplicemente collegato al bruciore di stomaco;
  • cibo che risale: i cambiamenti che avvengono nel corpo sono di solito accompagnati da vomito e nausea, sintomi che però possono anche indicare un forte bruciore di stomaco durante la gravidanza;
  • sentirsi sempre piena e gonfia: questo è un altro sintomo che potrebbe essere semplicemente collegato alla gravidanza, ma può dipendere anche dal bruciore di stomaco perciò cercare di curarlo potrebbe aiutarti ad alleviare il disagio;
  • respiro sibilante e sintomi simili all’asma: se non hai mai avuto allergie o problemi legati alla respirazione, questo sintomo può sorprendere, mentre in realtà è possibile che sia dovuto al bruciore di stomaco;
  • sentirsi male o essere malati: certo che ti senti male, senza energie e diversa dal solito—porti un bambino in grembo! Tuttavia, se ritieni che stia succedendo qualcos’altro, recati dal tuo medico il prima possibile perché curare il bruciore di stomaco può almeno aiutarti a sentirti meglio.

I sintomi sopra menzionati di solito compaiono quasi subito dopo aver mangiato o bevuto, ma tieni presente che possono manifestarsi anche in altri momenti, quindi fondamentalmente non c’è una regola.

Quando inizia il bruciore di stomaco in gravidanza?

I sintomi iniziali del bruciore di stomaco possono comparire abbastanza presto, anche nel secondo mese di gravidanza. Pertanto, per molte donne il bruciore di stomaco può essere un segno d’inizio della gravidanza.

Tuttavia, i sintomi possono peggiorare durante la gravidanza, soprattutto quando si arriva al terzo semestre. Questo perché l’utero in crescita esercita maggiore pressione su stomaco e altri organi.

Come descritto in precedenza in questo articolo, ciò può provocare la risalita del contenuto dello stomaco nell’esofago e causare quella spiacevole sensazione di bruciore.

Poiché quasi la metà delle donne incinte soffre di bruciore di stomaco, spesso anche per l’intera gravidanza, questo spiacevole fenomeno non è solo uno dei primi sintomi di gravidanza, ma anche uno dei più comuni.

Le donne incinte ricorrono regolarmente agli antiacidi a causa del bruciore di stomaco.

Si possono assumere antiacidi in gravidanza?

Affrontare il bruciore di stomaco in gravidanza, specialmente nell’ultimo trimestre quando i sintomi possono diventare davvero insopportabili, spinge molte donne a provare antiacidi da banco. Come per qualsiasi altro farmaco, l’assunzione di antiacidi in gravidanza dovrebbe essere discussa con il proprio medico, soprattutto quando si tratta di definire il giusto dosaggio.

Come regola generale, l’assunzione di antiacidi a base di calcio o magnesio è considerata sicura ed efficace se si desidera alleviare tali problemi. Si può prendere un antiacido al manifestarsi dei primi sintomi, ma in realtà il medico può anche consigliare di prenderli in via preventiva prima dei pasti o prima di coricarsi.

Però evita di assumere per lunghi periodi antiacidi contenenti alluminio poiché possono avere un impatto negativo sullo sviluppo del sistema nervoso del tuo bambino. Inoltre, occorre tenere presente che gli integratori di ferro non vanno assunti contemporaneamente agli antiacidi poiché questi ultimi possono impedire l’assorbimento del ferro. E infine: quando il grande giorno si avvicina potrebbe essere meglio evitare gli antiacidi contenenti dosi elevate di magnesio in quanto possono avere un impatto negativo sulle contrazioni uterine durante il travaglio. Non occorre eliminarli completamente, ma non prenderli troppo spesso e solo quando è veramente necessario.

Se i tuoi sintomi sono piuttosto lievi, forse l’idea migliore è innanzitutto apportare alcuni cambiamenti nello stile di vita e nell’alimentazione, descritti più avanti in questo articolo, in quanto ciò potrebbe bastare a farti sentire meglio. Ma non preoccuparti: se sei in gravidanza e il reflusso gastrico ti sta facendo impazzire, puoi anche prendere qualche pasticca di antiacido senza mettere in pericolo la vita del tuo bambino.

I cinque migliori rimedi per il bruciore di stomaco in gravidanza

Se ti stai chiedendo come sbarazzarti del bruciore di stomaco durante la gravidanza senza prendere pillole, ci sono alcuni trucchi che potresti provare.

Adotta abitudini alimentari sane

Mangiare troppo durante la gravidanza è un errore comune che può portare a reflusso acido e bruciore di stomaco. Dimentica questo luogo comune: in realtà non stai mangiando per due, perciò prenditi cura della tua salute mangiando quanto basta.

Inoltre, se lo stomaco diventa improvvisamente troppo pieno, è più probabile che si verifichi il bruciore di stomaco. Durante la gravidanza tieni sotto controllo la tua digestione con piccoli pasti consumati di frequente durante il giorno. Evita pasti abbondanti e soprattutto non mangiare troppo (o non mangiare affatto!) prima di coricarti.

Riduci gli alimenti problematici

Durante la gravidanza dimentica i cibi troppo piccanti, salati e grassi…

I cibi piccanti contengono un composto chimico detto capsaicina, che può irritare l’esofago, provocando un peggioramento dei sintomi del bruciore di stomaco.

La connessione tra sale e bruciore di stomaco resta un mistero per i ricercatori poiché non sono state mai trovate risposte chiare. La conclusione cui si è giunti è che una dieta ricca di sodio può essere causa di bruciore di stomaco, anche se le persone generalmente sane non sembrano soffrirne. In generale si raccomanda di evitare il sale in gravidanza poiché il sale favorisce la ritenzione idrica, il gonfiore e l’ipertensione.

Infine, i cibi grassi provocano il rilassamento dello sfintere esofageo inferiore, il che consente agli acidi gastrici di risalire fino alla gola. Inoltre, i grassi favoriscono la produzione dell’ormone colecistochinina, la cui azione fa sì che il cibo rimanga nello stomaco più a lungo, aumentando così il rischio di reflusso acido.

Vuoi un ulteriore consiglio? OK! Hai mai pensato di bere un bicchiere di Donat Mg? Perché questa acqua minerale naturale non è solo un’arma infallibile per combattere una digestione lenta o la stitichezza. Se soffri di reflusso acido, bere Donat Mg neutralizzerà gli acidi gastrici nell’esofago, aiutandoti così a liberarti della sensazione di bruciore!

Come va bevuta Donat Mg per trarne il massimo beneficio quando si combattono problemi di bruciore di stomaco? Assicurati di berla continuamente per diversi giorni e almeno 20-30 minuti prima di un pasto. Bevi ogni volta tra 0,1 e 0,2 l di questo toccasana minerale (a temperatura ambiente). Inoltre, ti consigliamo di berla a stomaco vuoto.

Stai seduta dritta

Non piegarti quando mangi. Stando seduta in posizione eretta allenterai la pressione sullo stomaco e gli consentirai di rilassarsi. Pensa a questo anche quando vai a dormire: usa un numero sufficiente di cuscini per mantenere la testa e le spalle in posizione eretta poiché ciò impedirà all’acido di risalire in gola durante il sonno.

La gravidanza è caratterizzata da affaticamento, bruciore di stomaco e mancanza di respiro.

Smetti di fumare e di bere alcolici

Inutile dire che il fumo e l’alcol fanno male al feto per tanti motivi diversi. Uno di questi è anche la maggiore probabilità di soffrire di reflusso acido durante la gravidanza poiché bere alcolici e inalare sostanze chimiche con il fumo può contribuire a crearti problemi di digestione. Sia il fumo che gli alcolici possono avere un’azione rilassante sulla valvola esofagea inferiore, il cui allentamento consente agli acidi gastrici di risalire dallo stomaco fino alla gola.

Prova alimenti che possono contribuire ad alleviare il bruciore di stomaco

Alcuni cibi fanno miracoli quando si tratta di alleviare o addirittura prevenire il bruciore di stomaco. Per ottenere i risultati migliori, aggiungi i seguenti alimenti alla tua dieta:

  • banane e meloni: rappresentano frutti altamente alcalini e sono il miglior rimedio naturale per i tuoi problemi;
  • zenzero: lo zenzero può avere un’azione antinfiammatoria nel tuo organismo e ridurre il reflusso, così come i sintomi legati a nausea e vomito;
  • yogurt: lo yogurt ha un effetto lenitivo che calma il bruciore di stomaco e aiuta la corretta digestione del cibo;
  • verdure verdi: fagiolini, spinaci, asparagi, cavoli, broccoli, cavoletti di Bruxelles e sedano sono tutti alimenti altamente alcalini quindi fanno bene anche allo stomaco e possono prevenire la produzione di acido gastrico;
  • cereali integrali: pane integrale, fiocchi d’avena, riso integrale e altri alimenti simili curano e possono persino prevenire il reflusso; i fiocchi d’avena possono effettivamente assorbire l’acido gastrico e altri tipi di acidi.

Un buon consiglio è quello di tenere regolarmente un diario alimentare in modo da poter individuare gli alimenti che possono causare problemi e quelli che, invece, alleviano i sintomi.

Le donne incinte mangiano spesso cibi piccoli, vari e vari.

Conclusioni

Il bruciore di stomaco in gravidanza (e in qualsiasi altro momento della tua vita) è sicuramente qualcosa che ogni futura mamma vorrebbe evitare. Le donne incinte devono affrontare così tanti cambiamenti del corpo e soffrire di reflusso acido è sicuramente qualcosa che non vogliono aggiungere alla lista.

Ora che sai cosa provoca il bruciore di stomaco in gravidanza, quali sono i sintomi più comuni e come puoi affrontare la situazione in modo naturale, sei ben attrezzata per affrontare questo fastidioso problema e rendere più piacevole questo straordinario periodo della tua vita. Non dimenticare che non sei sola in quest’avventura e che puoi rivolgerti al tuo medico per ulteriori consigli. E prenditi sempre cura del tuo sistema immunitario con una corretta alimentazione! Buona fortuna!