Il trattamento della stitichezza cronica è una parte essenziale della gastroenterologia clinica in tutto il mondo. In molti pazienti la stitichezza causa problemi fisici e psichici e può influire notevolmente sulla loro vita quotidiana e sulla salute. Se la stitichezza non viene affrontata attivamente, può avere spesso delle conseguenze spiacevoli. Anche se nel caso della stitichezza solo una minoranza di pazienti cerca assistenza medica, la maggior parte di loro assume i farmaci prescritti o farmaci senza ricetta per risolvere i propri problemi.

La stitichezza ha molte cause che si possono dividere in organiche e funzionali. La stitichezza organica è dovuta ad alcuni disturbi, la stitichezza funzionale, che è molto più frequente, è invece un disturbo caratterizzato dallo sforzo durante la defecazione, da feci dure o a palline, una sensazione di svuotamento incompleto e l’infrequente defecazione senza evidenti patologie organiche o strutturali.

Sempre più persone hanno problemi con la digestione lenta e la stitichezza. Secondo alcune stime dal 2 al 30 per cento degli adulti soffre di stitichezza funzionale. In Europa si trova ad affrontare tale problema ben il 17 per cento della popolazione.

Le persone spesso ignorano questo problema pensando che si risolverà da solo. Tuttavia, il ritardo può portare a un peggioramento della condizione e prolungare il trattamento. È molto importante già ai primi sintomi accertare se si tratta di una stitichezza organica o funzionale per poter scegliere il trattamento appropriato. Il trattamento inizia sempre con un cambiamento nello stile di vita e nelle abitudini alimentari, spesso seguito dall’uso di lassativi osmotici.

Se la stitichezza non viene tratta sin dall’inizio, può diventare cronica già dopo alcuni mesi, il che non è per nulla piacevole. Spesso ha conseguenze a breve e a lungo termine.

Le conseguenze a breve termine della stitichezza comprendono il gonfiore addominale, i dolori, la presenza di muco o sangue nelle feci e la sensazione di urgenza dopo la defecazione. Le conseguenze a lungo termine della stitichezza sono molto più dannose: tra queste ci sono le emorroidi (vene varicose nella zona dell’ano e del retto), la spaccatura della mucosa dell’ano o il prolasso del retto.

La stitichezza, inoltre, riduce la qualità della vita e può essere associata a una riduzione dell’attività e delle prestazioni sul lavoro, nonché ad ansia e depressione.